______________________________________________________________________________________________

Il 25 Ottobre 1979, con atto del dr. Guido Solaro veniva costituita l’associazione civile con la denominazione “Circolo Culturale Pro Desio”, dando attuazione ad una proposta che gli amministratori di Pro Desio Cooperativa, operante in Desio dal 1919, avevano rivolto ad un gruppo di desiani amanti della Cultura e dell’Arte, alla cui guida si era posto il Dr. Domenico Tucci, eletto primo presidente della neonata associazione.

Finalità del Circolo sono:

- la riscoperta, la valorizzazione e la difesa delle tradizioni della città di Desio e del suo territorio.

- lo stimolo e l’accrescimento della partecipazione della cittadinanza a manifestazioni artistiche e culturali.

- la promozioni di tutte le iniziative volte ad attuare le finalità istitutive, come conferenze, dibattiti, spettacoli, mostre d’arte, visite a città storiche.

Nel corso dei trent’anni di attività, compiuti lo scorso anno, il Circolo ha organizzato più di 500 fra conferenze, concerti, cineforum, cui vanno aggiunte circa 80 fra gite e visite a rassegne artistiche.

Il circolo per le sue attività dispone di una sede annessa a disposizione di Pro Desio Cooperativa dotata delle attrezzature più moderne per la videoproiezione e la connessione a personal computer.

Nel corso degli anni sono stati invitati scrittori e giornalisti fra i più noti, tra i quali citiamo: Chiara, Ceccato,Barbiellini Amidei, Castellaneta, Goldoni, Bevilacqua, Pontiggia, Colosimo, Testori, Faglia, i fratelli Castiglioni.

Ci è gradito ricordare l’intervento di Padre Turoldo e di Don Giussani, nostro concittadino e fondatore del movimento “Comunione e Liberazione”. Una delle manifestazioni più importanti organizzate dal circolo e il premino biennale Fanny Gavazzi, che nel nome e nel ricordo di una generosa signora sensibile ai bisogni dei più deboli riconosce i meriti di nostri concittadini in campo sociale e assistenziale.

Il presidente attuale del Circolo Culturale Pro Desio è l’Ing. Giuseppe Colombini.